Gastrite – Di cosa si tratta

Gastrite-Nervosa-1La patologia nota come gastrite corrisponde ad un disturbo gastrico localizzato lungo l’intero tratto digerente derivato principalmente da processi di natura infiammatoria della mucosa gastrica il cui progredire, verso stadi di cronicizzazione, può indurre, partendo da normali disturbi digestivi spesso poco associati a questa sintomatologia, a complicanze gravi e complesse che si estendono sino all’insorgenza di masse tumorali.

Lo screening e le prevenzione risultano attualmente complicati a causa dei molteplici fattori responsabili delle infiammazioni legati principalmente alle abitudini di vita, specialmente quelle alimentari tra le quali spiccano l’abuso di alcool, spesso a stomaco vuoto irritando le pareti gastriche al punto da renderle più espose, l’assunzione di cibi particolarmente piccanti ed irritanti, oltre all’utilizzo di farmaci come analgesici ed antinfiammatori. A complicare il quadro contribuiscono poi situazioni estranee come la naturale predisposizione ai reflussi biliari, spesso sintomo di affezione anche da GERD, ovvero di reflusso gastro-esofageo, e la possibilità d’infezione ad opera del virus Helicobacter pylori, la cui principale caratteristica risiede nella capacità di lesionare gravemente le pareti gastriche superando le mucose interne.

Stimare quindi le cause responsabili dell’insorgenza di gastrite diventa un compito duro e complesso basato su di un accurata anamnesi, l’intervista al soggetto che presenta dei disturbi ed effettuata dal medico per poter raccogliere tutte le informazioni necessarie alle diagnosi certa, escludendo patologie similari che però presentano conseguenze, in caso di errato trattamento, minori e trascurabili. La pericolosità di questa patologia è quindi legata alla difficoltà, spesso manifestata dai soggetti che ne sono affetti, di richiedere un consulto in tempi brevi, spesso sottovalutandone i sintomi che possono verificarsi come semplici bruciori di stomaco nell’area superiore dell’addome, nausea e vomito, sino alla diminuzione dell’appetito, dovuto appunto allo sviluppo di gas interni che possono indurre a gonfiore ed eruttazione.

La gastrite tramite questi sintomi, sottolinea la sua progressione che si articola in diverse fasi, tutte  derivate anche dal continuo abuso dei fattori responsabili, spesso principalmente alcool e farmaci, che una volta lesionate le mucose interne proseguono la loro azione aggravata anche dai normali processi fisiologici e digestivi, lesivi una volta intatta la barriera protettiva che proprio la mucosa gastrica rappresenta.

E’ quindi molto importante prestare attenzione ai possibili sintomi e recarsi subito dal medico qualora si dovessero riscontrare anomalie, allo scopo d’intervenire tempestivamente evitando l’insorgenza di complicanze con un trattamento terapeutico correttivo.

Pubblicato in Gastrite Taggato con: , , , , , , ,